sabato 5 dicembre 2009

TORTA MORBIDA MANDORLE E ARANCE


Questa è la prima mandorle-arance che scrivo per Thomas, ho in mente anche una crostata, ma ora la più facile, che ha due finali, ognuno sceglie quello che gli piace di più. Io non amo il gusto dell'acqua di fiori d'arancio, ma a chi piace......Il secondo finale l'ho mutuato da una ricetta marocchina, credo proprio che Andalusia e Marocco abbiamo simili materie prime vista la vicinanza, vero Thaumas?

INGREDIENTI
150 gr farina bianca
100 gr farina di mandorle
50 gr fecola di patate
1 bustina di lievito per dolci
4 uova
200 gr di zucchero
200 gr di burro
la scorza di 1 arancia non trattata grattugiata (la polpa la utilizzate per il finale 1)
FINALE 1
70 gr di zucchero
20 gr burro
1 arancia non trattata pelata a vivo (la scorza la utilizzate per l'impasto)
FINALE 2
150 ml acqua
175 gr zucchero
il succo di 1 arancia non trattata e due striscie di scorza
il succo di 1/2 limone
5 semi di cardamomo pestati
1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio


Accendete il forno a 180 gradi. Preparate una teglia in silicone di 23 cm di diametro.
Nel robot da cucina mettete mescolando in sequenza zucchero, uova, farine (di grano, fecola e di mandorle) e lievito, burro, scorza d'arancia e amalgamate bene il tutto.
FINALE 1: in una padella fate sciogliere lo zucchero con 2 cucchiai di acqua, finchè diventa un caramello ambrato, aggiungete il burro a dadini e quando tutto è sciolto, versatelo sul fondo della teglia. Tagliate l'arancia a fette sottili e distribuitele sul fondo della teglia sopra il caramello. Coprite con l'impasto e cuocete in forno per 45 minuti- 1 ora. Rovesciate subito su un piatto da portata, le arance caramellate del fondo si devono vedere!
FINALE 2: versate l'impasto nella teglia e cuocete per 45 minuti-1 ora. Togliete dal forno e fate raffreddare completamente la torta. In un pentolino mettete tutti gli ingredienti dello sciroppo tranne l'acqua di fiori d'arancio. Scaldate a fuoco lento a fate sobbollire per circa 5-7 minuti. lasciate raffreddare, filtrate e aggiungete l'acqua di fiori d'arancio. Punzecchiate tutta la superficie della torta in profondità con uno stecchino e poi lentamente con un cucchiaio o meglio con un pennello da cucina versate lo sciroppo che dovrà invadere l'interno della torta. Una delle due la faccio stasera, poi metto la foto! Buon appe!

3 commenti:

  1. Ragazzi la foto non le fa onore, sono un disastro....ma la torta è davvero fantastica!! A colazione un portento...si sente l'amarognolo delle arance, il dolce del caramello...non riesco a descriverla neanche a parole...provatela e se vi viene bene esteticamente, mi mandate una foto decente?
    Grazie
    Marta

    RispondiElimina
  2. Finalmente, l'ho fatta. È squisita. Non è uscita abbastanza bene (esteticamente) da fare una foto, ma è buonissima - oltre all'amarognolo delle arance e il dolce del caramello, è il gusto delle mandorle che fa di questa torta un classico! Quasi quasi vado in cucina ora ad assaggiarne un'altra fetta... solo per verificare che sia buona come me la riccordo!

    RispondiElimina
  3. peccato, perchè le mie di foto fanno paura, dovrei passare a SVQ fare un corso accelerato di foto di torte con schifosa macchinetta digitale...spero tutti bene laggiù un bacio m

    RispondiElimina